PEC: DAL 1 OTTOBRE SCATTA L'OBBLIGO PER LE IMPRESE E PROFESSIONISTI - RISCHIO MULTE PER 2 MILA EURO

PEC: DAL 1 OTTOBRE SCATTA L'OBBLIGO PER LE IMPRESE E PROFESSIONISTI - RISCHIO MULTE PER 2 MILA EURO


Lo scorso luglio ne avevamo dato notizia e un articolo di approfondimento è stato pubblicato su 30giorni con l'eloquente titolo "Professionisti, occhio alla PEC: senza, si rischia la sospensione".
Il primo ottobre si avvicina e riprendiamo un articolo a firma dell'avv. Bovino su IPSOA
Stretta del decreto Semplificazioni su imprese e professionisti per rendere effettivo l’obbligo di comunicazione del domicilio digitale. Le imprese costituite in forma societaria dovranno infatti comunicare il proprio domicilio digitale al registro delle imprese tenuto dalle Camere di commercio entro il 1° ottobre 2020, se non già comunicato in precedenza.Per imprese individuali e società che saranno prive del domicilio digitale sono previste infine pesanti sanzioni. Cosa cambia per i professionisti iscritti agli Albi e i revisori legali?

"Possedere un indirizzo di posta elettronica certificata, che facilita i rapporti con la Pubblica amministrazione, era già un obbligo dal 2008 per le società e dal 2012 per le imprese individuali. Ma se la mancata comunicazione prevedeva finora solo una sospensione temporanea per l'invio di pratiche telematiche al Registro imprese, ora invece può comportare una multa compresa tra i 206 e i 2.064 euro per le società, tra i 30 e i 1.548 euro per le imprese individuali", ricorda Unioncamere. Le sanzioni sono dunque raddoppiate o triplicate rispetto alla norma precedente."

giovedì 3 settembre 2020

Visualizza l'allegato